“La terapia Breve Strategica utilizzando la stessa logica del disturbo, va a rompere il circolo vizioso del sistema che imprigiona la persona nel problema per poi svelare al paziente, in un secondo momento, quali meccanismi mantengono il problema, rendendolo capace, attraverso esperienze ripetute nel tempo, di creare e gestire una nuova e più funzionale realtà.”

Curare la maggior parte delle psicopatologie in tempi brevi

“Breve” non significa che in due incontri si guarisce da un disturbo ma generalmente nell’arco di dieci incontri (corrispondenti a circa 5 mesi) si ottengono cambiamenti significativi in direzione della soluzione e non in anni. La terapia breve strategica è un tipo di intervento focalizzato su un obiettivo specifico che si prefigge di creare un cambiamento in un breve periodo di tempo attraverso la rottura di un’equilibrio disfunzionale e la creazione di uno più funzionale. L’approccio strategico si fonda sul concetto costruttivista per cui non esiste un’unica realtà ma tante quante sono i punti di vista dell’osservatore. Ciò che percepiamo è la risultante tra il punto di osservazione assunto, il linguaggio che usiamo e i comportamenti che mettiamo in atto. Questa realtà è condizionata inevitabilmente dal rapporto che abbiamo con noi stessi, con gli altri e con il mondo ed è in costante costruzione ed evoluzione. In quest’ottica qualsiasi condizione ci troviamo a vivere è il prodotto di un’attiva relazione con noi stessi, con gli altri e con il mondo. Anche problemi e patologie psicologiche sono analizzate, quindi, come la risultante di modalità disfunzionali irrigidite di percepire e reagire alla realtà che ogni persona costruisce attivamente (Nardone, 1990) e non come conseguenza di alterazioni o disfunzioni biologich. Ne consegue che se vengono introdotti dei cambiamenti nelle modalità di percepire di un soggetto all’interno del processo di costruzione, cambieranno anche le sue reazioni. La terapia Breve Strategica si avvale di sofisticate tecniche e strategie che calzano alle logiche non ordinarie dei disturbi e che negli anni sono risultate efficaci per la loro estinzione.